Seguici su
 
 
 
 
 
Slide Slide Slide Slide
 

Lo specialista delle caldaie

Manutenzione - assistenza tecnica - caldaie - stufe a pellet - impianti fotovoltaici - condizionamento - trattamento aria

 
 
CALDAIE / MANUTENZIONE CALDAIE
 
MANUTENZIONE CALDAIE
IL PERCHE' CONVIENE MANUTENTARE IL VOSTRO IMPIANTO TECNICO Manutenzione caldaia un obbligo per la vostra e nostra sicurezza.

Gli incidenti domestici dovuti alla cattiva o totale assenza di manutenzione della caldaia hanno portato il legislatore ad introdurre obblighi precisi in tal senso. Chi si occupa della manutenzione della Vostra caldaia è tenuto a redigere una relazione nella quale si danno indicazioni precise delle scadenze per la manutenzione che deve essere almeno annuale.

 

 La manutenzione ordinaria dell’impianto di riscaldamento e del gas non deve essere confusa però con l'analisi di combustione che, a seconda dei casi, può essere effettuata anche con intervalli più lunghi. 

 

 È innegabile che fare una regolare manutenzione della caldaia e una verifica della tubazione del gas rende più sicuro tutto il nostro apparato. Avere una caldaia non a norma o non controllata regolarmente può essere pericoloso per sé e per gli altri. Altra cosa molto importante è controllare periodicamente la tubazione del gas della cucina che, se non è d’acciaio, va sostituita entro la data di scadenza riportata sulla tubazione stessa.

 

Il corretto funzionamento della caldaia e la prova dei fumi, che periodicamente devono essere eseguiti da un tecnico abilitato, hanno come scopo anche il contenimento dei consumi energetici e la riduzione dell’inquinamento atmosferico. La normativa, qualora il rendimento della caldaia risultasse inferiore a quello prestabilito dalla legge, prevede la sostituzione della caldaia stessa.

 

Per la legislazione vigente il responsabile dell’esercizio e della manutenzione dell’impianto termico è l’occupante del’alloggio (proprietario o inquilino) o per i condomini l’amministratore. Tale responsabilità, se non si posseggono i requisiti di legge, può essere trasferita ad una ditta specializzata.

Questo aspetto è molto importante perché, per chi non è in regola, la suddetta normativa prevede sanzioni che vanno da 500 a 3.000 euro.

 

La documentazione che deve sempre accompagnare l’impianto termico è la seguente: 

- Per impianti inferiori a 35 kW: 
a) dichiarazione di conformità dell’impianto rilasciata dall’installatore; 
b) libretto d’impianto rilasciato e compilato alla prima installazione della caldaia e poi aggiornato dal manutentore o terzo responsabile dell’impianto; 
c) libretto d’uso e manutenzione dell’impianto rilasciato da un tecnico abilitato; 
d) allegato G compilato dal manutentore o terzo responsabile dell’impianto. 
- Per impianti superiori a 35 kW: 
a) libretto di centrale rilasciato e compilato alla prima installazione della caldaia e poi aggiornato dal manutentore o terzo responsabile dell’impianto; 
b) rapporto di controllo ex UNI 10435 (imp. a gas) 
c) certificazione ex UNI 8364 
d) dichiarazione di conformità dell’impianto rilasciata dall’installatore; 
e) libretto/i uso/manutenzione caldaia/e rilasciato da un tecnico abilitato; 
f) libretto/i uso/manutenzione bruciatore/i rilasciato da un tecnico abilitato; 
g) schemi funzionali idraulici 
h) schemi funzionali elettrici 
i) pratica ISPESL 
l) certificato prevenzione incendi.

Galleria immagini
 
Normativa per agevolazioni fiscali